Quando utilizzare un’istanza Spot AWS?

Quando utilizzare un’istanza Spot AWS?

Per le organizzazioni con un budget ridotto e per le no-profit, le istanze Spot AWS possono essere un ottimo servizio di cloud computing per disporre di capacità computazionale a un prezzo scontato.

David Linthicum per Tech Target ci introduce alle istanze Spot, spiegandone il funzionamento e sottolineandone i pro, ma mettendo in guardia dai possibili inconvenienti.
Il giornalista di Tech Target per far comprendere il tipo di meccanismo di offerta economica che sta dietro alle istanze spot utilizza una buona metafora, l’acquisto di un biglietto per un posto sul treno.

Immaginate di dover prendere un treno da Washington, DC a New York City e di avere la possibilità di scegliere fra quattro diverse tariffe.

1. Potreste acquistare un biglietto a $ 300, che garantisce un posto assegnato di prima classe.
2. Potreste acquistare un biglietto per un posto in pullman a $ 200, che consente di trovare un posto subito dopo essere saliti a bordo.
3. Potreste attendere alla fermata, fino a quando tutti i passeggeri in possesso di biglietti sono saliti per poi fare un’offerta su un posto rimasto rimasto libero, in modo da ottenere un biglietto ad un prezzo scontato.
4. Potreste prenotare un posto libero molto scontato, consapevoli di dover cedere il posto qualora il passeggero che originariamente ha acquistato quel posto si presentasse.

La terza opzione spiega l’idea che c’è dietro all’istanza Spot di AWS. La quarta soluzione invece richiama un altro tipo di opzione sul mercato per l’utilizzo di istanze.
Entrambe le soluzioni permettono alle organizzazioni che desiderano utilizzare il cloud computing, specialmente per risorse di calcolo disponibili o di riserva, di approfittare di sconti elevati sulle macchine virtuali.

Le istanze spot possono essere davvero un modo economico di utilizzare il cloud pubblico poiché consentono di utilizzare risorse computazionali per progetti di breve durata che possono accettare di incorrere in un momentaneo stallo di risorse. Generalmente si tratta di  progetti in cui si necessita du capacità computazionale temporanea ad alta intensità ma che possono tollerare il rischio di rimanere fermi se l’istanza Spot non è più disponibile.
Ma, prima di procedere all’installazione, è importante valutare pro e contro di questa tipologia di macchine virtuali cloud.

Vantaggi delle istante spot

Grazie ad un’istanza AWS Spot è possibile fare un’offerta economica sulle macchine virtuale EC2 di riserva. Così facendo generalmente si ottiene capacità computazionale a tariffe decisamente convenienti rispetto ai prezzi delle macchine virtuali On-Demand.
Alcuni Provider offrono il servizio consentendo agli utenti di creare una macchina virtuale dalla capacità di riserva, che viene anticipata o terminata dopo 24 ore – o anche prima, se il Provider ha bisogno di tali risorse per eseguire altre attività.
Mentre altri Provider offrono questo tipo di macchine virtuali a un prezzo fisso – fino al 70% in meno rispetto alle normali istanze; al contrario delle istanze AWS Spot che vengono aggiudicate dal miglior offerente.

Il vantaggio di entrambe le opzioni è il gran risparmio

Con un’istanza AWS Spot, le grandi organizzazioni ( e no profit) che dispongono di budget limitati o le piccole imprese possono sfruttare tutti i vantaggi di un’infrastruttura cloud a un prezzo più conveniente.
Un altro aspetto positivo è costituito dal throughput dell’applicazione. Ad esempio, con l’installazione di AWS Spot, è possibile scalare applicazioni ad alta intensità computazionale, come ad esempio analisi dei big data, dal 50% al 90% in meno rispetto al costo dello stesso tipo di lavoro su un’istanza On-Demand.
Di conseguenza utilizzando istanze Spot AWS è possibile ottenere più capacità computazionale allo stesso prezzo delle istanze On-Demand.

Possibili inconvenienti

Nonostante i vantaggi, l’utilizzo di un’istanza spot, o di altre soluzioni similari che il mercato offre, può presentare anche degli aspetti negativi.
L’inconveniente più evidente di questa tipo di soluzioni è non avere la certezza di ottenere la capacità di cui si ha bisogno, nel momento in cui se ne ha necessità.
I team IT tradizionali sono abituati ad accedere on-demand alle macchine virtuali di cui hanno bisogno. Questo tipo di approccio, basato sulla capacità di riserva, potrebbe causare loro forse un qualche shock culturale.

È anche possibile spendere effettivamente più soldi con questa modalità di utilizzo delle istanze. Ad esempio se altri utenti prenotano la capacità computazionale che serve al progetto in un momento critico e il team è costretto ad aspettare, si deve considerare il costo del ritardo oppure il costo del danno dovuto all’impossibilità di utilizzare (o di continuare ad utilizzare) le istanze necessarie per eseguire applicazioni critiche o semi-critiche.
Ad esempio, con le istanze spot AWS si possono risparmiare fino a $ 10.000 a settimana, ma attendere 6 ore per un’istanza può costare fino $ 50.000 a settimana in termini di ore lavorate dal personale.

Quindi, queste opzioni sono giuste per la vostra organizzazione?

Alcuni preferisco avere la certezza di avere il proprio posto “sul treno” ma molti hanno esigenze flessibili e possono accettare possibili ritardi, e allora l’istanza AWS Spot si rileva un ottimo modo per utilizzare le macchine virtuali a un prezzo scontatissimo.

Cerchi uno strumento che ti supporti nella scelta delle Istanze Spot e che aggreghi tutte le risorse disponibili sul mercato per assicurarti capacità computazionale continua? Scopri Spotinst.

One thought on “Quando utilizzare un’istanza Spot AWS?

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi