Cloud Backup – un’infografica per implementarlo nel modo giusto

Cloud Backup – un’infografica per implementarlo nel modo giusto

Spesso l’adozione del Cloud Backup  non comporta nessun beneficio in termini di razionalizzazione dei costi e gestione delle criticità perché non è stata adeguatamente pianificata.

La cosa importante è capire che il Cloud Backup non sempre riduce i costi ma spesso permette di gestirli nel tempo in base alle esigenze ma soprattutto permette di offrire una servizio più efficiente e maggiormente vicino alle esigenze di Business Continuity delle aziende delle organizzazioni.

Cloud backup – cosa considerare

La prima cosa da fare è capire quali sono le esigenze di Business Continuity dell’azienda in termini di tipologia di dati da salvaguardare, orizzonte temporale di riferimento e un’analisi dei costi. E’ molto importante anche fare delle considerazioni riguardo le esigenze di sicurezza dei dati e le tecnologie disponibili. Solo in tal modo è possibile capire se il cloud backup è la soluzione giusta per esigenze organizzative reali.

Cloud Backup – una Task List

L’infografica  realizzata da InfoTech mostra quali sono i fattori da considerare per un implementare un sistema di Cloud Backup in modo opportuno.

  • Comparazione costi operativi e costi fissi – è importante mettere a confronto  i costi di mantenimento di un servizio di back interno con quelli relativi al Cloud Backup in un ottica di medio lungo termine. Oltre a ciò è importante valutare i costi di startup per il passaggio al Cloud Computing che, benché siano nettamente inferiori ai costi di start up di un servizio di backup in house, sicuramente non possono essere completamente eliminati.
  • Analisi dei dati – analisi della tipologia dei dati a disposizione che si vogliono salvaguardare tramite il cloud Backup. E’ importante valutare anche la frequenza di utilizzo dei dati e il livello di aggiornamento.  Il Cloud è particolarmente performante in caso di backup piccoli, frequenti, o incrementali.
  • Livello di sicurezza richiesto – è importamte condiderare il livello di criticità dei singoli dati.  Tale analisi sarà importante anche per valutare il Cloud Provider in base ai livelli di sicurezza garantiti e valutazione il modello Cloud di riferimento (Cloud Pubblico o Cloud privato/ibrido).
  • Limitazioni tecnologiche –  è importante considerare la banda a disposizione per valutare in tal modo anche i temi di recupero dei dati soprattutto in caso di grandi quantità di dati.
  • Analisi dell’organizzazione – è importante valutare  la  tipologia di organizzazione e le risorse IT dedicate. In tal modo è possibile comprendere se il passaggio può implicare una riduzione degli sforzi operativi o una maggiore complessità organizzativa. Il Cloud Backup risulta particolarmente utile per le organizzazioni che vogliono semplificare notevolmente la gestione del backup.
  • Creazione di una roadmap per il passaggio al cloud – è importante infine valutare i rischi e i benefici connessi al Cloud backup, schedulare le singole attività per gestire la transizione e costruire un piano di contingenza per valutare tutte le possibili alternative.

Cloud Backup - infografica Infotech

Leave a Reply

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi