AWS Amazon – Il Cloud per una PA Moderna

AWS Amazon – Il Cloud per una PA Moderna

AWS Amazon è il Cloud Provider che si adatta alle esigenze IT della Pubblica Amministrazione. Il Cloud Computing in Italia non ha ancora spiccato il volo tra gli Enti Pubblici a causa della diffidenza delle stesse Istituzioni e di una normativa non ancora del tutto chiara.

Per quanto riguardo il comparto Privato invece il Cloud Computing segna una crescita annua del 19,4% e si prevede un passaggio di fatturato da 70 miliardi di dollari nel 2015 a 141 nel 2019.

Il Cloud per la PA presenta ancora degli ostacoli, ma molto presto il Cloud con i suoi servizi diverrà una scelta imprescindibile per una PA che voglia tutelare il suo patrimonio e soprattutto il patrimonio dei cittadini. Quindi cerchiamo di capire quali sono gli aspetti chiave che ogni decision maker (sia esso un Amministratore, o Dirigente di un Ente Locale) deve considerare per scegliere un Cloud Provider.

5 caratteristiche che un Cloud Provider deve offrire:

  • Fiducia e sicurezza del Cloud

AWS Amazon utilizza sia come Server di calcolo e sia come Server di archiviazione i Data Center presenti nelle regioni dell’Unione Europea, ubicati in Irlanda o in Germania, al fine di garantire il rispetto delle leggi sulla Privacy dell’Unione Europea e responsabilità del cliente;
soddisfa gli standard di sicurezza specifici della Pubblica Amministrazione in conformità alla Cloud Security Alliance (CSA) e alla certificazione ISO 27001 ed è conforme alle normative sull’obbligo di conservazione dei dati all’interno dell’Unione Europea per la Pubblica Amministrazione.

  • Scalabilità e flessibilità del Cloud (elastic computing)

La scalabilità e l’elasticità è uno dei pilastri dei servizi di AWS Amazon. Amazon Web Services EC2 (Amazon Elastic Compute Cloud) è la componente di calcolo che si identifica come un Servizio Web che offre capacità di calcolo computazionale dinamica e consente di essere dimensionata in base alle esigenze. Inoltre per ottimizzare le performance ed i consumi è integrato un servizio di autoscaling che consente la flessibilità delle macchine in maniera orizzontale, e cioè di programmare e configurare gruppi di VMs (Virtual Machine) che si attivano in base a trigger specifici definiti dall’utente. L’autoscaling integra anche servizi di Health Checks per sostituire istanze EC2 mal funzionanti con altre uguali in maniera autonoma (fault tolerant) ed è inoltre possibile far sì che siano utilizzate dal servizio più zone di disponibilità e sottoreti, in modo che se una di queste diventasse improvvisamente inutilizzabile, si sfrutterebbe immediatamente un’altra zona per garantire la continuità del servizio (Highly Available).

  • Standardizzazione dei Servizi Cloud

La piattaforma Cloud AWS Amazon fa del suo punto di forza la trasparenza dei listini. Infatti ogni modulo, servizio, configurazione ha un suo listino che presenta sia il costo a consumo che per servizio. Questo permette di avere pieno controllo del budget e degli investimenti anche in maniera previsionale (se volete avere un’idea dei costi potete anche accedere al nostro calcolatore da qui). Inoltre è un Cloud Provider in continua crescita che anche nel 2016 secondo Gartner è leader nell’offerta di Cloud IaaS; questo implica per chi lo sceglie compatibilità con software e sistemi esterni, sicurezza, interoperabilità, ripetibilità e qualità del servizio. Quindi la scelta di utilizzare servizi esclusivamente Open Source o non standardizzati potrebbe causare mancanza di supporto e costi più elevati di futuri Switching.

  • Copertura globale e stabilità del cloud

AWS Amazon è un Cloud Provider che opera in 38 zone di disponibilità all’interno di 14 regioni geografiche in tutto il mondo, con altre 9 zone di disponibilità (availability zone) e 4 ulteriori regioni nei prossimi anni (es. Parigi, Londra). L’ infrastruttura (Cloud infrastructure) è quindi una delle più organizzate a livello mondiale in ottica di copertura di disponibilità di Data Center e nodi di connessione da una zona ad un’altra. Questo significa che tutti i dati, le applicazioni, i software, le macchine virtuali salvate su AWS hanno una copia pronta per essere recuperata; oppure sistemi IT pronti per essere avviati.

  • Normativa & scelta migliore

L’implementazione di Infrastrutture in Cloud Computing per la PA è soggetta a normative dettate dall’AgID in materia di acquisizione e scelta del Cloud Service Provider. La normativa ad oggi non obbliga la PA a scegliere il Cloud Provider consigliato per Enti Pubblici, ma semplicemente afferma che ogni PA Locale e Centrale può attraverso una relazione giustificare l’utilizzo di altri Cloud Provider.

Conclusioni

Ogni Pubblica Amministrazione è quindi libera di scegliere il Cloud Provider, inoltre è consigliabile sempre affidarsi a partner tecnologici che possono offrire supporto e consulenza per la configurazione dell’infrastruttura Cloud ma soprattutto presentare dei preventivi chiari e trasparenti senza sorprese.

La soluzione che risponde ai 5 punti per la scelta del Cloud Provider e che permette anche alla PA Locale di accedere a questi servizi è aCloud powerd by Amazon Web Services di Interact S.p.A.; aCloud è la suite di prodotti e servizi che offre le migliori performance in termini di costi e sicurezza in ambienti Cloud Computing. aCloud abbatte le barriere tra la Pubblica Amministrazione e AWS Amazon perchè consente di attivare il proprio account in Cloud attivando un conto prepagato acquistabile direttamente tramite MEPA. Inoltre prima di ogni acquisto offre una Consulenza Gratuita sia informativa che tecnica con Cloud Architect dedicati, certificati Amazon Web Services Italia.

Quale Cloud Provider scegliere e per quale Servizio ?

aDistasterRecovery powered by AWS è la soluzione che consente di:

  • Utilizzare i Servizi in Cloud
  • Non intaccare il Sistema IT persistente
  • Mettere al sicuro dati e applicazioni

I Servizi AWS Amazon che utilizza aDisasterRecovery sono:

Amazon Elastic Compute Cloud (Amazon EC2) è l’interfaccia web concepita da AWS per rendere più semplice il Cloud.
Grazie ad EC2 e all’AWS Console l’utente può controllare e gestire le sue macchine virtuali e la loro capacità avendo tutto sotto un’unica dashboard di controllo. Questo permette di avere delle macchine non solo potenti in senso stretto ma performanti sul piano dell’utilizzo modificando il concetto di pagamento del servizio delle risorse informatiche.
Amazon EC2 offre una vasta gamma di istanze che permettono di ottimizzare le configurazioni e le combinazioni di capacità di CPU, memoria, storage e di rete, offrendo la flessibilità di poter scegliere la combinazione di risorse adeguata per le proprie applicazioni. Inoltre per ogni tipologia di istanza basata su Linux (o Windows) è declinata in differenti dimensioni preconfigurate che aiutano la scelta in fase di start-up del servizio più adeguato.

Amazon S3 (Amazon Simple Storage) di Amazon Web Services permette, attraverso una semplice interfaccia web (AWS Console), di archiviare e recuperare qualsiasi quantità di dati e di aver accesso ad una serie di servizi correlati, come la potenza di elaborazione (compute) e l’archiviazione, sfruttando una piattaforma IT altamente flessibile e adattabile ad ogni esigenza di business.
Grazie a questo servizio è possibile archiviare e recuperare grandi quantità di dati, in qualsiasi momento, da qualsiasi punto del web.

  • Storage: Amazon EBS

Amazon Elastic Block Store (Amazon EBS) offre volumi di storage persistente a livello di blocco per l’uso combinato con istanze di Amazon EC2 nel cloud AWS. Ogni volume Amazon EBS volume viene automaticamente replicato all’interno della sua zona di disponibilità per proteggere l’utente dai guasti dei componenti, garantendo disponibilità e durabilità elevate. I volumi di Amazon EBS offrono le prestazioni necessarie, in termini di consistenza e bassa latenza, per la gestione dei carichi di lavoro.

Amazon Glacier è un servizio di Storage nel Cloud sicuro, duraturo ed estremamente economico per l’archiviazione dei dati e il Backup a lungo termine.
Amazon Glacier è ottimizzato per dati ad accesso non frequente, in cui un tempo di recupero di diverse ore è adeguato. I dati vengono archiviati in modo ridondante in più strutture e in più dispositivi all’interno di ogni struttura.
Amazon Glacier supporta il trasferimento dei dati su SSL e crittografa automaticamente i dati a riposo.

Comments are closed.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi